Home / Editoriale / Rimborso di 50€ per fatturazione a 28 gg: come richiederlo

Rimborso di 50€ per fatturazione a 28 gg: come richiederlo

Multe in arrivo per chi continua a fatturare a 28 giorni e indennizzi di almeno 50 euro per i consumatori. È quanto prevede l’emendamento al decreto fiscale, depositato dal senatore del Pd Stefano Esposito. L’emendamento punta, tra l’altro, a inserire nel testo del decreto fiscale, la dicitura che obbliga a vigilare “sul rispetto della periodicità della fatturazione prevista dalle disposizioni vigenti”.

E per chi viola le regole in arrivo multe salatissime. In caso di violazione, viene infatti prevista “una sanzione pecuniaria da 500mila a 5 milioni di euro”. L’emendamento prevede inoltre a carico dell’operatore sanzionato il pagamento di un “indennizzo forfettario, non inferiore a euro 50, in favore di ciascun utente interessato dalla illegittima fatturazione”.

Cosa fare per contestare e richiedere rimborso

Lo spiega Codacons precisando che l’utente ha la possibilità di procedere con una diffida/reclamo. Si deve cioè scrivere al proprio gestore di telefonia fissa, adsl, fibra, e ibrida (bollette con addebito fisso più mobile) tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, o tramite un fax al numero ufficiale con ricevuta di ricezione, contestando ai sensi della delibera indicata ogni mese di fatturazione a 28 giorni, chiedendo il rimborso per ogni mese pagato.

 

A proposito di Daniele

Sono un giovane diciottenne appassionato dalla scrittura e dal mondo della tecnologia. Amo leggere e condividere le mie conoscenze attraverso parole ed immagini.

Leggi anche..

Apple vale più di un trilione di dollari: è l’unica al mondo

Apple è diventata la prima azienda americana a superare la valutazione di un trilione di …