Home / Guide e Tutorial / Multe 2018 entro 5 giorni sconto 30%: calcolo e come pagarle online

Multe 2018 entro 5 giorni sconto 30%: calcolo e come pagarle online

Pagamento multe entro 5 giorni lavorativi: sconto del 30% sull’importo della sanzione. 

Se il pagamento della multa avviene entro 5 giorni dalla notifica a casa della violazione, il cittadino, ha diritto ad uno sconto pari al 30%.

Questo è quanto stabilito con l’entrata in vigore il 21 agosto del cd. Decreto del fare – sconto multe stradali, pubblicato nel supplemento ordinario n. 63/L della Gazzetta Ufficiale del 20.08.2013, n. 194, della legge di conversione del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia e ancora in vigore per tutto il 2018.

Vediamo quindi cos’è e come funziona lo sconto multe entro 5 giorni lavorativi, come e da quando si contano i giorni, cosa succede se nei 5 giorni ci sono dei festivi e per quali multe spetta il pagamento ridotto con sconto del 30% sull’importo della sanzione.

 

Quali multe sono escluse dallo sconto sanzione del 30%?

Dallo sconto del 30% sugli importi delle sanzioni delle multe stradali, sono escluse le seguenti violazioni:

  • Multe che non beneficiano del pagamento in misura ridotta;
  • Di natura penale: come per esempio guida in stato di ebbrezza;
  • Confisca del veicolo, fatta eccezione per la guida in mancanza di assicurazione;
  • Sospensione della patente di guida.

     

Sconto 30% multe 2018: quando spetta?

Il Decreto del fare, ha introdotto una importante novità per i trasgressori del Codice della strada, ovvero, la possibilità di beneficiare di uno sconto 30% multe stradali. Tale agevolazione, è concessa sia ai conducenti che ai proprietari dei veicoli a prescindere dai punti posseduti sulla patente, ma per i soli verbali di violazione notificati a partire dal 21.08.2013, data di entrata in vigore del decreto.

Per fruire dello sconto sulla multa, il cittadino deve effettuare il pagamento della sanzione entro 5 giornidalla contestazione o dalla notifica del verbale a casa. La riduzione è prevista solo per le violazioni alle norme del Codice della Strada che prevedono il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria.

Le multe stradali che possono beneficiare della riduzione della sanzione del 30%, sono quelle elencate nella tabella pubblicata sul sito ufficiale del Ministero dei Trasporti:

Lo sconto della multa del 30% spetta inoltre, anche a quelle elencate all’art.195, comma 2-bis C.d.S., le cui sanzioni in misura ridotta sono aumentate di 1/3 qualora la violazione sia stata commessa dopo le ore 22 e prima delle ore 7.

Per quanto riguarda le modalità per beneficiare dello sconto del 30% sulla sanzione, il trasgressore troverà tutte le indicazioni sul verbale di constatazione o di notificazione presso la residenza della multa. Infatti, sul verbale ci sarà indicato se la violazione può beneficiare della riduzione e come effettuare il pagamento in forma ridotta. Ricordiamo che il beneficio è solo per alcune sanzioni e solo se l’importo della multa viene interamente versato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica.
All’interessato saranno fornite le indicazioni per l’effettuazione del pagamento secondo le modalità di gestione adottate da ciascun organo di polizia.

 

Pagamento multe entro 5 giorni lavorativi: quando si perde il diritto allo sconto?

Il diritto a beneficiare della riduzione delle sanzioni del 30% sulle multe stradali, decade se il pagamento non viene effettuato entro 5 giorni dalla data di constatazione della violazione o dalla notifica del verbale.

Nel caso in cui il cittadino effettui il versamento con importo scontato oltre la scadenza dei 5 giorni, la somma pagata viene trattenuta come acconto, se poi la differenza non dovesse venire versata entro i consueti 60 giorni dalla contestazione o notificazione, tale somma verrà iscritta a ruolo, applicando una somma pari alla differenza tra la metà del massimo della sanzione edittale, più le spese di procedimento e l’acconto versato.

 

Come si calcolano i 5 giorni lavorativi o solari?

Per ottenere lo sconto del 30% sulle multe stradali e beneficiare così di sanzioni ridotte, il cittadino deve effettuare il pagamento dell’importo entro 5 giorni ma da quando iniziano a decorrere i 5 giorni e come si calcolano?

Il termine di 5 giorni parte dal giorno dopo l’avvenuta contestazione su strada o dalla notifica del verbale a casa, per esempio se la multa viene fatta il 4 settembre, la scadenza entro la quale è possibile beneficare della riduzione della sanzione, è il 9 settembre. Qualora il 5° giorno cada in giorno festivo, il termine slitta al primo giorno feriale successivo.

Maggiore attenzione invece deve essere posta, nei casi di notifica della multa a casa, questo perché il termine dei 5 giorni varia a secondo delle modalità in cui viene effettuata la notificazione del verbale, ovvero se a mezzo posta, Pubblico Ufficiale, avviso di giacenza ecc., per cui prima di pagare l’importo della sanzione, si consiglia di contattare l’autorità che ha redatto il verbale.

Per esempio se la notifica della multa avviene tramite posta con un avviso di giacenza, perché la persona è assente dalla residenza:

  • se il Verbale viene ritirato presso l’ufficio postale entro i primi 10 giorni dall’avviso: i 5 giorni si iniziano a calcolare dal giorno successivo
  • se il Verbale viene ritirato dopo l’11° giorno, si dovranno invece scalare i 5 giorni dalla data di ricevimento dell’avviso, ovvero:
    • avviso ricevuto il 1° febbraio 2018 e verbale ritirato alla posta il 4 febbraio: si può beneficiare dalla riduzione del 30% fino al 9 febbraio;
    • avviso ricevuto il 1° febbraio e ritirato il 12 febbraio: si può beneficiare dello sconto del 30% solo se si effettua il pagamento entro il 16 febbraio;
    • avviso ricevuto il 1° febbraio e ritirato il 17: non si ha più diritto alla riduzione per cui si dovrà pagare l’importo previsto in misura ridotta entro 60 giorni dalla contestazione.

 

Pagamento online: come si fa?

  • Bonifico Bancario da internet banking della propria banca 
  • Bollettino postale bianco -SOLO PER POSSESSORI POSTEPAY, BANCO POSTA E ALTRI SERVIZI POSTE ITALIANE- , ecco come si fa:

basta accedere al proprio account e possedere una carta prepagata Postepay. Prima di tutto, bisogna collegarsi sul sito Postepay e passare sul menu Ricarica e Pagamenti, successivamente sulla voce Bollettini -> Pagamento Bollettini. In questo modo potrete notare che vi sono numerosi moduli per pagare IC, canone della televisione, multe dei Carabinieri o della Polizia, bollo dell’automobile e moduli MAV o RAV. Nel caso in cui doveste pagare una bolletta dell’acqua o dell’energia elettrica predisposte da Enel, dovrete cliccare su Compila un bollettino, la prima icona che troverete in alto.

pagamento bollettino postepay

Nella finestra che si aprirà successivamente, scegliete tra bollettino premarcato e bollettino bianco o generico. Tutti i bollettini premarcati avranno i codici 674 o 896, scritti in basso a destra. Quelli con il codice 896 sono già compilati, mentre quello con il codice 674 ha il nominativo di chi deve fare il pagamento in bianco. Ci occuperemo del bollettino con il numero 123, quello che interessa a noi.

Prima di tutto dovrete visualizzare il modulo e compilare tutti i campi relativi all’importo, al numero di conto del beneficiario, al nome di chi effettua il pagamento insieme all’indirizzo. Nei campi in basso dovrete inserire il codice del tipo di modulo, ovvero 123, insieme al codice identificativo del bollettino, che potrete trovare nella parte centrale del medesimo o nella parte bassa tra i segni < e >. Ora cliccate su Continua e procedete con la seconda schermata.

Il numero di bollettino che andrete a inserire consentirà il riconoscimento automatico del medesimo, rendendo quindi più facile l’operazione. La nuova finestra vi farà vedere il bollettino appena compilato, per vedere se manca qualcosa o se è stato stilato in maniera corretta e precisa. Ora cliccate su Paga il bollettino e Metti nel carrello per poter continuare l’operazione. Apri il menu e clicca sul metodo di pagamento che desideri utilizzare, nel nostro caso con una carta Postepay. In alto si potrà notare il nome del beneficiario e il relativo numero del conto postale. Ogni procedura chiede un costo di commissione di 1 €.

Se la scelta è ricaduta sulla carta Postepay, inseriamo tutti il numero di 16 cifre, la data di scadenza e il codice CVV2; cliccate su conferma pagamento e il gioco è quasi fatto. Cliccate su Richiedi Codice OTP e inserite la cifra che vi arriverà tramite SMS, insieme al numero del tentativo. Cliccate su Continua e potrete visionare la ricevuta del pagamento effettuato nella sezione Bacheca dell’account MyPoste, la quale potrà poi essere stampata a seconda dei bisogni.

A proposito di Daniele

Sono un giovane diciottenne appassionato dalla scrittura e dal mondo della tecnologia. Amo leggere e condividere le mie conoscenze attraverso parole ed immagini.

Leggi anche..

Cambiare intestatario sim 3 Italia

Per cambiare l’intestatario di una SIM ricaricabile 3, collegati al sito Internet dell’operatore e scarica il modulo Richiesta di …